Il Paese della Buona Domenica - Cervaro 22 aprile 2007
Cervaro Buona Domenica
guardafotoguardavideo

Domenica 22 aprile 2007 Cervaro è stato il Paese della Buona Domenica, con degustazioni di prodotti tipici, visite guidate gratuite a cura del Centro Guide Cicerone e tante sorprese. Nell'occasione è stato presentato "L'oro e gli incanti della Valle del Liri" a cura della XV Comunità Montana, con l'attenzione puntata sull'olio e sul museo dell'oro. Sabato 21 aprile Cervaro ha ospitato anche un appuntamento delle "Giornate del Buon Vivere Ciociaro". GUARDA IL SERVIZIO SULLA GIORNATA

Il 22 aprile una bella giornata di sole ha accolto centinaia di visitatori a Cervaro per il Paese della Buona Domenica. Apprezzatissime da turisti e cervaresi le tante iniziative previste.

La giornata si è aperta con la sfilata della banda musicale "Città di Cervaro" per le vie del paese ed è proseguita con la proiezione del video "Cervaro - il Paese della Buona Domenica" all'interno del Museo dell'Arte Orafa.
Il presidente della XV Comunità Montana Dino Giovannone ha presentato il progetto "L'oro e gli incanti della Valle del Liri", la manifestazione itinerante a cura dell'Ente che, partendo proprio da Cervaro,  ha lo scopo di valorizzare i 19 comuni della comunità montana.
L'Associazione Infiorata ha ricreato, con due mesi d'anticipo, uno spaccato della caratteristica infiorata del Corpus Domini, appuntamento imperdibile del 10 giugno.
Circa 300 persone hanno visitato il paese e il Santuario della Madonna de' Piternis insieme alle guide professioniste dell'Associazione Cicerone. Grande successo per il servizio navetta gratuito che collegava il centro storico con il Santuario, ricco di notevoli affreschi.
Molto apprezzate le degustazioni di piatti e prodotti locali alle ore 13, con particolare attenzione sull'olio di Cervaro, i pranzi tipici nei ristoranti e agriturismi, le botteghe artigiane nel centro storico e il Museo dell'Arte Orafa, dove per l'occasione era disponibile un servizio gratuito di riparazione di anelli e altri gioielli d'oro. Ed è proprio grazie alla trasmissione "Ciociaria Bella &Buona" dedicata a Cervaro, in onda su Teleuniverso, che molti cervaresi hanno scoperto il Museo dell'Arte Orafa,  uno dei tesori del paese. Proprio il sindaco Ennio Marrocco ha avuto modo di constatarlo personalmente parlando con i concittadini, prendendo questa occasione come stimolo a  fare di più per far conoscere le bellezze di Cervaro a tutti.
Nel bilancio della giornata, oltre al successo di pubblico, va sicuramente annoverato il fatto che i ragazzi di Cervaro hanno recepito il messaggio della necessità, da parte delle nuove generazioni, di apprezzare di più le tipicità e le tradizioni ciociare.
L'iniziativa è stata promossa dal Comune di Cervaro e dalla XV Comunità Montana "Valle del Liri" con Teleuniverso e Ciociariaturismo e in collaborazione con l'assessorato al turismo della Provincia di Frosinone.

Scarica il vademecum del turista 

Programma:

Sabato 21 aprile
ore 11 - "Le giornate del Buon Vivere ciociaro" - Sala Bellini

Domenica 22 aprile
ore 9.30 - Apertura programma
ore 9.40 - Saluto del sindaco - Sala Comunale
ore 10 - Presentazione della manifestazione "L'oro e gli incanti della Valle del Liri", a cura della XV Comunità Montana,    con il presidente Dino Giovannone - Sala Comunale
ore 10.30 - Apertura delle botteghe artigiane e del museo orafo nel centro storico (orario 10.30-13 e 15-19)
ore 11 - Prima escursione con navetta al Santuario della Madonna de' Piternis
ore 12 - Degustazione prodotti tipici locali
ore 13 - Pranzi tipici nei ristoranti e agriturismi di Cervaro
ore 11-13 e 15-19 - Visite guidate a cura del Centro Guide Cicerone e servizio navetta Santuario-Centro Storico

"Le Giornate del Buon Vivere Ciociaro" a Cervaro 

Dopo i ragazzi di Monte San Giovanni Campano, il sapore delle tradizioni  ciociare ha conquistato anche quelli di Cervaro con "Le giornate del Buon Vivere Ciociaro - Mangiare bene per crescere meglio" sabato 21 aprile, infatti, l'evento, organizzato da Ciociariaturismo e  patrocinato dall'assessorato provinciale all'agricoltura, ha fatto tappa nella terra di S. Benedetto.
La manifestazione, coordinata da Luciano Rea, è stata presentata dal giornalista Alessio Porcu. Ad allietare la giornata ci hanno pensato i "Commedianti" Guglielmo Bartoli e Milena Frantellizzi e la scuola di giocoleria. Erano presenti anche l'assessore provinciale all'Agricoltura Mario Ventura e il sindaco Ennio Marrocco.
Al centro dell'attenzione i prodotti tipici della Ciociaria: i fagioli cannellini di Atina, i peperoni di Pontecorvo, l'olio extra vergine di oliva della Ciociaria, il vino doc Cabernet di Atina, il vino doc Cesanese del Piglio, la Passerina del Frusinate, gli amaretti di Guarcino, il pane di Veroli e di M.S.G. Campano, le ciambelle di Sora, i tartufi di Campoli Appennino di Sulpizio, la mozzarella e ricotta di bufala "Stella", la marzolina e tanti altri piatti e prodotti tipici ciociari. Nel corso dell'incontro sono state  anche esaltate le caratteristiche dell'olio di Cervaro, elemento indispensabile della dieta mediterranea, i cui benefici vengono dal 90% di acido oleico (grasso insaturo) che evita l'accumulo nelle vene di sostanze nocive, e dalla presenza delle vitamine A, B ed E, che rafforzano il sistema immunitario.
La dott.ssa Alessandra Quaglieri, dietista con svariate esperienze di educazione alimentare teorico-pratiche presso diverse scuole, ha approfondito gli aspetti tecnici della nutrizione alla base della cultura del Buon Vivere. In particolare, ha fatto conoscere ai ragazzi le "10 regole d'oro" da seguire nell'alimentazione quotidiana, a cominciare dalla suddivisione della giornata alimentare in 3 pasti principali intercalati da 2 spuntini. Tra i punti salienti del decalogo anche il dedicare almeno 20 minuti alla consumazione di un pasto masticando lentamente, il bere costantemente 1,5-2 litri di acqua al giorno variandone spesso la qualità, il leggere l'etichetta dei prodotti (informarsi su ciò che si sta acquistando è un diritto ed un dovere verso la propria salute), il praticare per 30 minuti al giorno una attività fisica che sia divertente e rilassante, il distinguere la vera sensazione di fame e non mangiare solo per passatempo o stress, il curare nei dettagli la tavola (la presentazione e i colori dei cibi aiutano il buonumore), il variare la scelta dei cibi ricordando che "siamo ciò che mangiamo" per cui è fondamentale assumere un po' di tutto. Inoltre, la dott.ssa Quaglieri ha tenuto a precisare che la dieta è un atto medico per cui è bene affidarsi sempre ad una figura qualificata e ha ricordato ai presenti che il cibo è anche un messaggio culturale e che quindi bisogna essere aperti alle usanze diverse ma senza dimenticare i prodotti tradizionali della terra d'origine.
"Ritornando il giorno dopo a Cervaro - afferma con soddisfazione Luciano Rea - e parlando con alcuni ragazzi impegnati nell'infiorata abbiamo avuto la prova che si erano divertiti e avevano apprezzato l'iniziativa. Ad attirare la loro attenzione soprattutto la Ciambella di Sora. Ci hanno anche detto che da lì in poi avrebbero bevuto almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno".
Compiacimento è stato espresso dall'assessore provinciale all'agricoltura Mario Ventura, piacevolmente colpito dalla presenza di circa 200 ragazzi attenti ed entusiasti di conoscere le bontà della tradizione ciociara: "Questi giovani rappresentano il futuro e noi abbiamo l'obbligo di fare la nostra parte".

Come raggiungere Cervaro 
In treno: treno Roma-Napoli via Cassino, fermata Cervaro - Fontana Rosa. Servizio urbano per il centro città.
In automobile: autostrada A1 Milano-Napoli, uscita S. Vittore. S.S. 6 Casilina direzione Roma. Dopo 3 km bivio per Cervaro.

Condividi su:

 

Chi è in linea

 86 visitatori online

ARCHIVIO EVENTI STORICO

ARCHIVIO EVENTI dall'anno 2006 a Giugno 2015 i nuovi eventi sono disponibili sul nuovo portale

ARCHIVIO EVENTI:

2015 - 2014-2013-2012-2011-2010-2009-2008-2007-2006

cookieassistant.com