Roccasecca, "peregrinatio" statua S. Tommaso

 

“La peregrinatio della statua di San Tommaso per rinsaldare la tradizione popolare”

“Tratto caratteristico del legame che ha sempre unito la città di Roccasecca con San Tommaso D’Aquino è stata la devozione popolare, codificata in rituali ed usanze ben definite. La devozione di popolo è stata sottolineata anche da storici e filosofi che si sono interessati alle vicende biografiche dell’Angelico Dottore, costituendo spesso punto a favore di Roccasecca circa la “vexata questio” intorno alla patria d’origine dell’illustre domenicano.

Proprio per rafforzare questa devozione, dopo un periodo di appannamento, il comitato festeggiamenti San Tommaso, gli organismi parrocchiali della SS.ma Annunziata e i parroci don Xavier Razanaday e don Giandomenico Valente, hanno proposto, in occasione dei festeggiamenti tomistici 2012, la peregrinatio della statua di San Tommaso in tutte le parrocchie cittadine, trovando accoglimento e disponibilità da parte dell’intera comunità dei fedeli di Roccasecca.

La peregrinatio partirà sabato 25 febbraio 2012, quando la statua di San Tommaso sarà ospitata fino al giorno seguente nella Chiesa di Caprile, per poi tornare al Castello. L’arrivo della statua a Caprile e il ritorno al Castello si svolgerà con due processioni e due celebrazioni religiose.

Lo stesso rituale avverrà sabato 3 marzo allo Scalo, dove la statua di Tommaso sarà a diposizione della venerazione dei fedeli fino alla domenica del 4. La locale comunità attende l’evento con grande fermento: è in programma una calorosa e coinvolgente cerimonia di accoglienza. La processione dello Scalo si svolgerà con corteo di macchine.

Le cerimonie della peregrinatio, insieme all’accensione dei falò la sera del 6 marzo, culmineranno nel giorno canonico delle celebrazioni tomistiche del 7 marzo, secondo i riti della tradizione che prevedono la messa solenne nella Chiesa dell’Annunziata con la presenza dell’arcivescovo Iannone, dei sacerdoti locali e dei padri domenicani; la processione seguente nelle strade del paese; l’omaggio floreale al santo da parte dei fedeli con le tradizionali canestrelle; la sosta nella Chiesa di Santa Margherita e la nuova celebrazione pomeridiana, prima del ritorno della statua presso l’Annunziata con la processione notturna su via Paolo VI. Il programma definitivo dei festeggiamenti tomistici, sia religiosi e che civili, è in distribuzione in questi giorni a cura del comitato festeggiamenti impegnato nella raccolta delle offerte.

Coltivare e rinsaldare la devozione popolare, come si voluto proporre con la peregrinatio, significa salvaguardare e preservare il culto tomistico – la festa di primavera - e garantire il fondamento dell’identità della popolazione roccaseccana. Ben vengano tutte le iniziative culturali a corollario dei festeggiamenti religiosi, ma sono una cornice rispetto alla ben più preziosa tela rappresentata dalla tradizione religiosa, che costituisce la vera ricchezza della nostra comunità”.

Pompeo Cataldi

Condividi su:

 

Chi è in linea

 78 visitatori online

ARCHIVIO EVENTI STORICO

ARCHIVIO EVENTI dall'anno 2006 a Giugno 2015 i nuovi eventi sono disponibili sul nuovo portale

ARCHIVIO EVENTI:

2015 - 2014-2013-2012-2011-2010-2009-2008-2007-2006

cookieassistant.com